Cerca nel blog

mercoledì 17 febbraio 2021

DRAGHI : INVESTIRE SULLA PREPARAZIONE TECNICA, LEGALE ED ECONOMICA DEI FUNZIONARI PUBBLICI .

 Di Sauro Turroni, già onorevole deputato  dei Verdi 

E’ UN OBIETTIVO DA CONDIVIDERE

Draghi  ha detto molte cose.

Una in particolare però è significativa :

"Quanto agli investimenti pubblici, in tema di infrastrutture occorre investire sulla preparazione tecnica, legale ed economica dei funzionari pubblici, per permettere alle amministrazioni di poter pianificare, progettare e accelerare gli investimenti con certezza dei tempi, dei costi e in piena compatibilità con gli indirizzi di sostenibilità e crescita indicati nel Programma."

Fu il mio pallino quando facemmo la legge Merloni

Per contrastare i grossi staff delle imprese ci volevano tecnici capaci ( e motivati da spirito repubblicano )

Fu la ragione per cui convinsi il Ministro a introdurre l'1% per le progettazioni effettuate all'interno della PA, per incentivare i migliori a restare invece di lasciare negli uffici solo gli incapaci o i farabutti.

Ovviamente fu osteggiata dai sindacati ancora ancorati ad una vecchia concezione che non voleva premiare i meriti, e ancor peggio fu gestita dagli amministratori

Per cui gli incapaci e i farabutti fecero progetti ignobili pur di prendere i soldi. 

Tanto per effetto delle riforme della sinistra bassaniniana i progetti non li vede più nessuno, nessuno li discute più pubblicamente per cui succede che vengano realizzate le cose più ignobili e sbagliate.

Perfino il fascismo discuteva pubblicamente i progetti. Si ricordi il dibattito che scoppiò a Firenze a proposito del concorso per realizzare la nuova stazione. I desiderata dei gerarchi furono sconfitti dal dibattito che seguì la presentazione dei progetti, dibattito che ci consegnò la stazione di Santa Maria Novella di Michelucci e Gambrini con la moderna vetrata che fronteggia quella quattrocentesca del Ghirlandaio sulla prospiciente abside di Santa Maria Novella.

Poco tempo dopo convinsi anche Bassanini a fare la stessa cosa con chi faceva i piani.

Andò se possibile ancora peggio. 

Il combinato disposto dello spoil sistem alla amatriciana introdotto sempre dal devastante riformismo di Bassanini fece sì che la dirigenza nella PA dovesse la propria nomina alla politica e dunque ne diventasse immediatamente ancella ed esecutrice dei più miserevoli disegni.

Ricordo che nei miei interventi contro questa riforma ripetevo che in questo modo i dirigenti avrebbero portato il caffè a letto del politico di turno e che si sarebbe perso il carattere di terzietà e indipendenza che la Costituzione affida alla PA..

Sono lontani i tempi in cui la lungimirante politica della sinistra emiliana aveva, unica in Italia, organizzato uffici di piano richiamando i migliori giovani urbanisti da tutto il Paese per pianificare secondo indirizzi discussi da una consulta urbanistica che vedeva operare al suo interno il meglio della cultura del governo del territorio presente in una Regione che era allora davvero un faro politico avanzato.

Le poche parole di Draghi riavvolgono il nastro della storia e sembra dicano : "dove eravamo rimasti? " ridando alcune speranze per la ricostutuzione degli apparati tecnici nella nostra PA, smantellati da una politica incapace di misurarsi con le cose, con il territorio, coi fiumi, coi ponti, con le opere , con le dighe, con le alluvioni, con le erosione delle coste ecc ecc.

E  anche  di confrontarsi con i portatori di interessi ( i loro) in grisaglia che con il corredo di valigette frequentano impuniti gli uffici della PA propronendo ormai indisturbati la qualunque.

Il fatto è che quella che anche noi Verdi, insieme con quella che si definisce " la sinistra"  su questo, come su tanti altri temi, siamo privi di visione ed elaborazione nonchè di competenze.

martedì 16 febbraio 2021

Per un Parco metropolitano, il no alla discarica nel parco del roccolo è la proposta di una nuova legge regionale sui parchi

 La Federazione dei Verdi della Lombardia, sostiene la lotta contro la discarica nel parco del Roccolo, da sempre; cambiano gli attori, gli assessori e i presidenti di Regione, ma il problema resta.

Negli ultimi anni, grazie a una mozione presentata nel consiglio Metropolitano dalla lista Civica lacittadeicomuni (Verdi, Rifondazione, PSI e civici) e nel Consiglio comunale di Ossona, si è rallentato l'iter e si è richiamata Regione Lombardia alle proprie responsabilità progettuali.

Per quel che riguarda Ossona, è anche esempio di come la malapolitica promossa dalla destra più becera arriva a esprimersi; il Sindaco Venegoni, non voleva accogliere la mozione e i dispositivi previsti dalla mozione, ma il regolamento comunale e la diligenza del Segretario Comunale han prevalso.

Un breve riepilogo nell'assemblea pubblica di Busto Garolfo

 Gilberto Rossi (VERDI) assemblea cave di Casorezzo 2 10 2020 #nodiscarica

Si richiama quindi alla Legge Regionale n.32 del 2015 della Regione Lombardia, dove all'articolo 3 le responsabilità in termini di progettazione ambientale vanno tutte in capo a Regione Lombardia.

I verdi sono stati presenti alle due iniziative promosse dal comitato, l'ospitata a "buongiorno regione", dove, stigmatizziamo il fatto che la questione prettamente politica, sia stata derubricata come un problema tecnico; i tecnici, eseguono le norme che i politici scrivono. Sintesi, i tecnici metropolitani, seguendo la legge regionale citata sopra, si sono espressi; tuttavia, la protesta e proposta politica dei cittadini e delle amministrazioni locali, continua, al grido "il parco non si lega, il parco non è una discarica, maroni e i bidoni, cecchetti e i sacchetti, la discarica non la vogliamo, ne oggi ne domani".

Altra iniziativa a cui sono intervenuti i Verdi del Ticino e anche una delegazione dei Verdi di legnano

click per video intervento dei VERDI  #nodiscarica​ nel #parcodelroccolo​ #verdi​ 7 2 2021 #europeangreens​

click per video di tutta l'iniziativa #nodiscarica​ 7 2 2021 Da Casorezzo e Busto Garolfo al Presidio e interventi #parcodelroccolo​





venerdì 25 dicembre 2020

Buon Natale 2020 e prendiamoci cura del nostro futuro!

 Gli elfi e folletti di Babbo Natale ci dicono qualcosa, sono apparsi in questa immagine 


Dalla Federazione dei Verdi 




martedì 3 novembre 2020

Il candidato del Green Party of US è Howie Hawkins 3.11.2020

 IL CANDIDATO DEI VERDI ALLA PRESIDENZA DEGLI U.S.A

i candidati alla presidenza degli Stati Uniti non sono solo Trump e Biden, ma anche di altre forze politiche. 

Il candidato del Green Party of US è Howie Hawkins,


socialista, pacifista ed ecologista, tra i fondatori del Verdi statunitensi.  

Non ha alcuna possibilità di emergere nello scontro fra titani dell'estabishment, anche se spesso l'accordo politico tra verdi e democratici risulta fondamentale per l'elezione dei grandi elettori dei singoli stati che voteranno il presidente.

È giusto rendere omaggio ad una coraggiosa testimonianza di alternativa ecopacifista, che dovrebbe insegnare qualcosa anche a noi. 

Forza Howie! >> https://howiehawkins.us/


lunedì 5 ottobre 2020

Flash Mob X San Siro VERDI H. 16.30 6 Ottobre 2020

 Riceviamo dai Verdi di Milano e invitiamo a partecipare 

🟢🟢Martedì 6 ottobre, Europa Verde sarà presente nelle maggiori piazze italiane con il flashmob "Onda Verde", in previsione del voto sulla Legge per il Clima al Parlamento Europeo del 7 ottobre, per chiedere che sia approvata da TUTTE le forze politiche. 

🌎🌎A Milano, ci troveremo martedì 6 ottobre alle 16.30 presso MM Lilla uscita San Siro. Vi aspettiamo‼️


Faremo un Flash Mob davanti allo  Stadio San Siro, simbolo della cementificazione che sta soffocando la città, di quella partita climatica che il Comune guidato dal Sindaco Sala sta perdendo con azioni come la costruzione del nuovo Stadio (che come Verdi stiamo provando a fermare con un ultimo ricorso al TAR), la distruzione del Parco in Via Bassini e quella prossima del Parco La Goccia, in Bovisa.

#UnitiPerilClima🌻#IlFuturoCheServe

martedì 29 settembre 2020

No discarica Assemblea 2 ottobre h. 21



Prima del pronunciamento del TAR del 6 di ottobre, finalmente una assemblea pubblica No Discarica, promossa dal Parco del Roccolo, dai circoli di Legambiente, dai comitati No Discarica e dalle amministrazioni di Busto Garolfo e Casorezzo. 


I Verdi del Ticino invitano a partecipare. 


Rimandiamo al mittente, Regione Lombardia, che il 17 luglio ha svelato le carte, mediante un imbarazzante incontro tra 2 consiglieri regionali e la proprietà della cava. 


È finito il tempo degli scaricabarile ai funzionari che devono applicare le norme regionali. 


In assemblea non solo sul canale youtube del comune di Casorezzo ma anche sulla pagina QUI MILANO, per raccogliere proposte per la necessaria mobilitazione. 


NO PASARAN è il coro unanime delle genti dei comuni del parco del roccolo. 


sabato 23 maggio 2020

Liberiamo la Lombardia, si torna in piazza. mercoledì 27 maggio 2020 h.17.30


Il 27 MAGGIO DALLE ORE 17.30
PRESIDIO IN VIA MELCHIORRE GIOIA,
DAVANTI AL PALAZZO DELLA REGIONE LOMBARDIA



SE 15 MILA MORTI VI SEMBRAN POCHI.

Il 1° maggio abbiamo preso parola con testimonianze, denunce, lotte per una nuova primavera ecologica e sociale. Lo abbiamo fatto virtualmente, dalla radio, sulle reti sociali. Responsabilmente abbiamo rispettato le regole imposte per la tutela della salute di tutte e tutti. Oggi, vogliamo riprenderci anche le piazze.
Le piazze della Milano raccontata dai media come città degli eventi e delle vetrine sfavillanti, del consumo e del divertimento, e che rappresenta in realtà la punta più avanzata di un sistema di sfruttamento diffuso che vuole negare agli strati popolari i fondamentali diritti vitali.