Cerca nel blog

martedì 26 marzo 2019

Un opportunità tutta nuova per i Verdi: di fare i VERDI!! Italia in comune lascia per Più Europa

Monica Frassoni  (profilo fb)
E cosi, dopo molti mesi di collaborazione, chat, telefonate, discussioni spesso gradevoli e a volte meno, - come sul femminismo, dopo una bella trasferta a Bruxelles, una conferenza stampa e un evento ben organizzato al Quirino, con un programma definito e invero molto verde, un simbolo praticamente fatto ( no, adesso non ve lo mostro, ma quello finale prestissimo sarà pubblico), Italia in Comune, il piccolo partito di Federico Pizzarotti e Alessio Pascucci, abbandona l’OndaVerdeCivica, - e non solo i Verdi- per accomodarsi nelle braccia di Più Europa di Benedetto della Vedova e Emma Bonino, in vista delle elezioni europee. 

martedì 12 marzo 2019

Quaresima: digiuno dell’auto in Germania e Lussemburgo. “Mettere in discussione il proprio stile di vita”

Articolo del 28 febbraio 2017, ma ancora attuale;
su spunto dell'omelia del Sacerdote di Magenta, nel corso della funzione domenicale della Domenica delle ceneri, dove invitava a riscoprire la sobrietà e ad un impegno concreto, anche e soprattutto negli stili di vita, riprendiamo questo articolo del febbraio 2017

Ricomincia il 1° marzo nelle diocesi della Germania meridionale e in Lussemburgo l’iniziativa quaresimale “digiuno dell’auto”. Giunta alla ventesima edizione, la campagna propone per questo periodo di “lasciare in garage la macchina il più sovente possibile e scoprire mezzi di mobilità alternativi”, 

Inquinamento da polveri sottili: nel mirino dell'ISPRA ci sono anche gli allevamenti

Riceviamo e pubblichiamo da ESSERE ANIMALI

Le nostre indagini su Rai3!

Lo scorso sabato sera siamo riusciti a contribuire ancora una volta a una riflessione sugli allevamenti di animali in TV!
In prima serata su Rai 3 è andata infatti in onda un'inchiesta di Presa Diretta intitolata MALATI DI FARMACI, con un focus sul consumismo farmaceutico e l’antibiotico resistenza.

Tempo di climate strike! Ricomposti

riceviamo e volentieri pubblichiamo, invitandoVi a partecipare alle interessanti iniziative

Tempo di climate strike!

Vi presentiamo Ricomposti, un ciclo di appuntamenti con cui andremo, nel corso di questa primavera, ad approfondire la questione climatica con approccio DIY, il passaggio della Marcia romana “per la giustizia climatica e contro le grandi opere inutili e nocive”, e l’orizzonte europeo della nuova ecologia radicale.
Riscaldamento globale, riduzione della biodiversità, acidificazione degli oceani, instabilità climatica… solo alcune tra le spie d’allarme con cui la Terra manifesta tutta la sua insofferenza a duecento anni di civiltà industriale.

Insieme per Boffalora. Ivo Colombo candidato Sindaco

Sabato 2 marzo 2019, è stata presentata alla cittadinanza di Boffalora, la candidatura di Ivo Colombo dei Verdi, a candidato Sindaco della lista EcoCivica di centrosinistra INSIEME PER BOFFALORA
Per ulteriori informazioni vi rimandiamo al sito web di http://www.insiemeperboffalora.it/
A seguire il video della presentazione di Ivo Colombo

giovedì 21 febbraio 2019

I verdi partecipano e sostengono lo sciopero per il clima indetto ogni Venerdì.

I verdi partecipano e sostengono lo sciopero per il clima indetto ogni Venerdì.
Stigmatizziamo la provocazione di alcuni provocatori che hanno strappato la bandiera al nostro attivista più conosciuto in Lombardia.
Dopo una settimana, abbiamo rivisto le foto e i filmati e analizzato il tutto.
1. Gli usurpatori verdi, cioè, Chi ha strappato la bandiera, è chi aveva provato a mettere il proprio cappello personale, parlando tre volte al megafono ed escludendo gli altri e soprattutto, è colei che con le sue amiche ha lottato per non far presentare il simbolo dei Verdi.
2. Hanno fatto parlare consiglieri comunali al governo della città, che vogliono fare politiche antiecologiste come l'aumento del biglietto atm e altre cementificazioni, come i 5 scali ferroviari.
(per evitare che si arrivasse a una giusta contestazione)


mercoledì 20 febbraio 2019

I venerdì per il clima. invito a informarsi


I venerdì per il clima
Ogni venerdì un flash mob o uno sciopero per sensibilizzare sui cambiamenti climatici
Lottare per l’ambiente tuttavia non significa solo contestare le emissioni nocive,
ma anche rivendicare la gratuità dei trasporti pubblici,
la lotta contro il saccheggio neo-coloniale della natura da parte delle multinazionali
e agire per costruire rapporti internazionali fondati su un multipolarismo rispettoso di ogni nazione.
Significa ridurre la produzione di emissioni inquinanti da parte delle imprese pubbliche e private per legge,
ridurre l’impatto ambientale degli enti pubblici,
attraverso una modernizzazione delle strutture e una minore produzione di rifiuti,
così come promuovere l’uso del trasporto pubblico e stili di vita sostenibili, promuovendo il consumo critico, consapevole e responsabile e le forme di produzione rispettose dell’ambiente.
Produrre il necessario, distribuire tutto. Diceva qualcuno, qualche tempo fa.
Fa male alla nostra intelligenza e all’umanità, pensare che il 35 % del cibo commestibile, ogni giorno viene buttato, come la recente protesta dei pastori sardi, se da un lato hanno ragione a rivendicare un maggior valore per il loro latte, non si può dimenticare come si sono lanciati loro stessi nella sovrapproduzione dello stesso. (“è il capitalismo che affama e violenta le vite, baby” diceva qualcuno..)
All’azione individuale, certo importante, da un costante impegno nella raccolta differenziata alla rinuncia dell’automobile come mezzo di trasporto, deve invece affiancarsi un agire sociale e collettivo, una presa di posizione politica che combatta affinché le abitudini e i consumi e soprattutto le logiche di produzione cambino in funzione delle necessità ambientali.
Un mondo eco-sostenibile è un mondo di pace, in cui finisce la depredazione delle materie prime energetiche e alimentari compiute dall’imperialismo occidentale e le contestuali aggressioni a nazioni sovrane, dalla Siria al Venezuela, a tutte quelle nazioni della terra che si vedono imporre dittatori che sfruttano i loro cittadini e la terra del loro paese per i meri profitti dell’Occidente.
Per questo è importante che ogni singolo cittadino, studente e umano, si attivi, ne parli con amici e conoscenti e si organizzi.
Godiamoci la vita, non consumiamola e non consumiamoci, 
per arricchire chi ci vuole male

15 marzo 2019 - Global Climate Strike
Info su: ecocivicilombardia.blogspot.com